LA GUERRA DEL LATTE ITALIANO

latte italiano

LA GUERRA DEL LATTE ITALIANO

Siamo ormai alla fine di questa interminabile storia in merito alla produzione del latte italiano: a dicembre l’Antitrust dichiarerà la propria posizione in merito alla multinazionale Lactalis che paga il latte italiano una miseria, stiamo parlando di 34 centesimi di euro al litro, quando solo per la produzione ce ne vogliono tra i 38 e i 41.
Ricordiamo che Lactalis ha comprato i marchi nazionali Parmalat, Invernizzi, Galbani, Locatelli e Cademartori ed è diventata di gran lunga il primo gruppo sul mercato tricolore e mondiale nei prodotti lattiero caseari.
La provocazione dell’industria del latte è stata quella di offrire agli agricoltori italiani, 1 centesimo in più alla miseria dei 34. “I prezzi praticati dagli operatori a valle della filiera del latte fresco– spiega la Coldiretti- sono iniqui e gli allevatori sono costretti a chiudere perché non riescono a coprire neanche i costi di produzione“.
Il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo ha dichiarato che “Nel passaggio dalla stalla allo scaffale i prezzi del latte fresco moltiplicano fino a quattro e la differenza tra i prezzi pagati dal consumatore italiano e il prezzo riconosciuto agli allevatori è la più alta d’Europa, in altre parole in Italia l’industria e distribuzione hanno i margini molto più elevati rispetto agli altri Paesi, dalla Francia alla Germania. E questo significa che all’interno della filiera ci sono margini da recuperare per garantire un giusto prezzo agli allevatori senza aumenti per i consumatori“.
La Coldiretti ha spiegato che “In Francia l’Antitrust ha multato per un importo di 193 milioni di euro 11 industrie lattiero-casearie tra le quali Lactalis, Laita, Senagral e Andros’s Novandie per pratiche anticoncorrenziali dopo che era precedentemente intervenuto anche l’Antitrust iberico che aveva annunciato multe per un totale di 88 milioni di euro a gruppi come Danone (23,2 milioni), Corporation Alimentaria (21,8 milioni), Grupo Lactalis Iberica (11,6 milioni)“.

 

Arianna di Dillo ad Arianna

http://www.ilpuntocoldiretti.it/attualita/Pagine/LaguerradellattecontinuaAntitrustindagasuglisquilibricontrattuale.aspx

Precedente DIFFERENZE TRA DOP E IGP: QUANDO I PRODOTTI SONO VERAMENTE ITALIANI Successivo ARRIVA IL CEROTTO SMART CHE RILEVA LE INFEZIONI BATTERICHE!